Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.upitaliamagazine.it/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5763

Editoriale n° 1 – Marzo2019

ENERGIA POSTIVIVA

Carissimi lettori è con enorme piacere che il primo numero dell’anno 2019 voglio dedicarlo ad un argo-mento molto particolare per me, quello della energia delle persone.
Dunque parlare di energia non è semplice perché non vi è spiegazione precisa, è ciò che non si crea né si distrugge ma che può solo trasformarsi, quindi è stac¬cata da una dimensione spazio tempo. Per l’energia tutto è possibile ed esprimibile e non ha limiti.
Da 4 anni mi sono affidato ad una professionista che ha studiato fisica quantistica, si occupa di energia in quanto forza potenza movimento verso tutto ciò che si è veramente. Un io energetico, potente, attraente, con una componente umana, senza considerare essa come debolezza. Energia è un nostro stato primor¬diale, privo di condizionamenti, strutture, credenza, blocchi e certezze. Noi veniamo prima della realtà, es¬sendo osservatori, noi condizioniamo il mondo che a sua volta condiziona noi, ma senza sapere chi agisce per prima. L’energia, ciò che siamo, è indeterminata, non misurabile, per questo, con il suo lavoro spinge le persone verso l’interno. In quel mondo privo di fretta e paura per raggiungere i propri desideri. Utilizza mu¬sica, la linguistica, l’immaginazione e tecniche di me¬ditazione. A volte ci sembra di subire influenze nega¬tive, sfortune e maledizioni, ma altro queste non sono che illusioni mentali, cioè eventi, persone, ricordi, o la nostra vita stessa che ha preso più potere di noi e si dissipa. Lavorare a livello energetico è riprendere consapevolezza, risvegliarsi, dissipare ombre e paure che non ci permettono di avere estasi e felicità. Tut¬to ciò che è spiegabile è noto e non straordinario. Essa viaggia nel non noto, nell’invisibile e nell’impossibile, per renderlo vivibile.
Da quando ho intrapreso questa strada mi sento mol¬to meglio, sia fisicamente che mentalmente, e ho una visione molto più chiara del lavoro e della vita.
Allontanatevi dalle persone negative, quelle che par¬lano male di tutti e di tutto. È il primo segnale, vuol dire che quasi sicuramente parlerà male anche di te. Le energie delle persone sono vere, tutti gli uomini hanno energia.
Spesso ho la fortuna o meglio sfortuna di percepire le sensazioni delle persone che si avvicinano a me. Le persone con le quali qualunque comunicazione è priva di gioia ed entusiasmo le chiamano vampiri di energie. Fanno parte delle persone che rubano ener¬gia e che quando ti si avvicinano portano malessere, negatività. Succhiano entusiasmo e forza. I vampiri di energia pensano solo a come disintegrare le tue cer-tezze e far uscir fuori di te la gioia di vivere. Fortuna¬tamente mi ritengo una persona super positiva, penso sempre positivo, ed è per questo che riesco ad andare avanti con tutti i miei progetti, a superare difficoltà che la vita spesso mi presenta.
Detto ciò vi consiglio di pensare sempre positivo, amate le persone care, vivete giorno per giorno, gode-tevi ogni instante della vita perché è breve ed è inutile viverla in guerra e comunque se potete eliminate dal¬la vostra vita persone invidiose, sono pericolose sia per loro stesse che per voi.
Per attrarre energia positiva dobbiamo imparare a la¬sciarci alle spalle il passato per focalizzarci sul presen-te e sul futuro, poiché sono gli unici due momenti che possiamo cambiare.
È vostra responsabilità trovare delle strategie che fun¬zionano meglio per voi quando si tratta di attrarre energia positiva nella vostra vita.
Ridere è un atto fondamentale per essere una persona più positiva e migliore. È importante che impariate a ridere delle circostanze negative che vi capitano e di voi stessi.
Se iniziamo a pensare positivo, riusciremo ad attrarre l’energia positiva, il che ci aiuterà ad avere una vita felice, perfetta e piena di soddisfazione.
Imparate a creare intorno a voi un ambiente di tran¬quillità ed armonia che vi aiuti a vivere il presente, ad essere grati verso voi stessi e ad evitare di screditarvi in caso di errori, sbagli o situazioni molto negative.
Esistono forze sanguisuga e persone negative, ma non scelgo di dar loro potere. Io sono più forte.

Editoriale n° 0 – Dicembre 2018

I SEGRETI DEL MIO SUCCESSO?

PERSEVERANZA E SORRISO

Care Lettrici e cari Lettori,
dopo tanti anni nell’ambito dell’editoria e dopo aver proposto sul mercato locale i magazine BergamoUp e MilanoUp, ho deciso di misurarmi con una sfida nazionale: così è nato UpItalia.
Il magazine nasce con la guida editoriale di Raffaello Tonon che, oltre a essere un notissimo personaggio pubblico, è un carissimo amico. Quando mi chiedono qual è lo scopo della mia vita e la mia ambizione, io rispondo dicendo che voglio lasciare un segno: sono nato l’8 dicembre, data piena di significati, e sono nato nonostante l’utilizzo da parte dei miei di anticoncezionali, a sette mesi mi hanno dichiarato “clinicamente morto”, ho trascorso l’infanzia in collegio, ho abbandonato la casa dei miei genitori a 19 anni e ora ne ho quasi quaranta. Qual è il mio obiettivo?
Lasciare un segno nel mondo!
Nel corso della mia vita ho aperto più di 12 negozi di abbigliamento, ho creato un franchising di prodotti biologici, durante l’Expo ho aperto un ufficio presso l’aeroporto di Bergamo, International Wi-fi.
Ma il mio Ego, ancora una volta, esprimeva il desiderio prepotente di unicità.
Ed è stato seguendo questo richiamo che tre anni fa ho creato un premio esclusivo –Premio Eccellenze bergamasche-, un riconoscimento prestigioso per le Aziende con il patrocinio di Confcommercio Bergamo e molti altri importanti Sponsor. Questa iniziativa ha incontrato il favore di molti. Da lì l’idea di creare un portale, premioeccellenze.com, che parlasse unicamente di eccellenze nazionali.
Mi auguro che ci sia ancora tanta strada davanti a me, ma oggi posso dire con certezza che il mio prossimo obiettivo è quello di scrivere un libro che racconti della mia vita. E lo farò con Cairo Editore.
Mi auguro inoltre di riuscire a costruire una fondazione, Fondazione OGGIONI, per aiutare tutti coloro che hanno bisogno e che sono meno fortunati di noi.